Le costellazioni

Le costellazioni (2.86/5) su 7 voti

costellazioni figure nomiFin da quando ero piccola, grazie al sostegno di un padre appassionato, ho sempre ammirato il cielo e quanto vi si trova, i fenomeni correlati a eventi astronomici quali eclissi o passaggi di comete ed altre meraviglie. Ciò che ovviamente è più facile da osservare se si ha la pazienza di riconoscerle nella vastità del cielo, sono le costellazioni. A volte per vedere è necessario recarsi in un posto adatto fuori città e magari affrontando temperature proibitive. Le costellazioni sono raggruppamenti convenzionali di stelle, proiezioni della fantasia e della cultura umana di un tempo sulla volta celeste. Sin dai tempi più antichi, l’Uomo, osservando questi gruppi di stelle, riuscì ad immaginare disegnando linee immaginarie, esseri mitologici, divinità o comuni mortali impegnati in atti quotidiani. Le più celebri sono, per vari motivi, le costellazioni zodiacali, e qui mi preme precisare alcune cose. Le costellazioni zodiacali sono quelle che si trovano sull’eclittica ovvero il piano dell’orbita della Terra attorno il Sole: con il passare delle settimane possiamo accorgerci che le stelle si spostano rispetto al Sole, proprio per effetto dell’eclittica, in cicli di un anno. Le costellazioni zodiacali sono dodici, come i segno zodiacali. Almeno secondo gli astrologi moderni, che hanno ripreso pari pari dai testi degli astrologi greci e precedenti, la denominazione e le caratteristiche dei vari segni, i quali avrebbero influenza sul carattere delle persone. In realtà i segni sull’eclittica sono tredici, perché su di essa si muove anche la costellazione di Ofiuco, ma questo gli astrologi si guardano bene dal ricordarlo, preferendo omettere la presenza di questo “intruso” nei loro calcoli astrali. Ogni costellazione, comunque, è formata da un numero variabile di stelle e si estendono per diversi gradi quadrati - si passa da estensioni di 72° quadrati della costellazione dell’Equuleus ai 1303° dell’Hydra. Nel 1933 l’Unione Astronomica Internazionale razionalizzò il sistema di classificazione delle costellazioni dividendo la volta celeste in 88 aree, ovvero 88 costellazioni. Così risulta facile anche trovare un oggetto o un pianeta, dicendo che in quel momento si trova in una di queste costellazioni.

Le stelle che formano le costellazioni sono convenzionalmente considerate appartenenti alla costellazione ma nella realtà esse possono trovarsi a varie distanze le une dalle altre senza una regola precisa – ci sarebbe qui da parlare anche delle stelle doppie fisiche, ottiche, e quant’altro ma sarà argomento valido per altri articoli – spesso molto distanti tra di loro e solo la prospettiva generata dalla lontananza del nostro punto di osservazione da esse ci permette di “avvicinarle” costruendo una costellazione. Quindi:

  • nello spazio tridimensionale le stelle che formano una stessa costellazione possono essere separate anche da distanze enormi, così come diverse possono essere le dimensioni e la luminosità,
  • viceversa, due o più stelle che sulla sfera celeste appaiono magari lontanissime tra di loro, nello spazio tridimensionale possono essere al contrario separate da distanze minori di quelle che le separano dalle altre stelle della propria costellazione,
  • durante un ipotetico viaggio interstellare non riusciremmo più ad identificare alcuna costellazione, e ogni sosta vicino a qualunque stella ce ne farebbe identificare semmai di nuove, visibili solo da tale nuova prospettiva.
  • nel corso del tempo sono state definite costellazioni differenti, alcune sono state aggiunte, altre sono state unite tra di loro.

Altra cosa sono gli asterismi, un tempo termine indicante la costellazione, ora invece utilizzato per indicare un gruppo di stelle ben preciso all’interno di una costellazione, come le Pleiadi e le Iadi nella costellazione del Toro o la Cintura e la Spada in Orione.

Le Pleiadi, conosciute anche come oggetto “Messier” M45:

m45 pleiadi

Ed infine ecco una lista di tutte e 88 le costellazioni:

nome italiano nome latino nome italiano nome latino
Acquario Aquarius Z E Indiano Indus M A
Altare Ara T A Leone Leo Z E
Andromeda Andromeda T B Leone Minore Leo Minor M B
Aquila Aquila T E Lepre Lepus T E
Ariete Aries Z E Lince Lynx M B
Auriga Auriga T B Lira Lyra T B
Balena Cetus T E Lucertola Lacerta M B
Bilancia Libra Z E Lupo Lupus T A
Boote Boötes T E Macchina Pneumatica Antlia M A
Bulino Caelum M A Mensa Mensa M A
Bussola Pyxis M A Microscopio Microscopium M A
Camaleonte Chamaeleon M A Mosca Musca M A
Cancro Cancer Z E Ofiuco Ophiuchus T E
Cane Maggiore Canis Maior T E Orione Orion T E
Cane Minore Canis Minor T E Orologio Horologium M A
Cani da Caccia Canes Venatici M B Orsa Maggiore Ursa Maior T B
Carena Carina T* A Orsa Minore Ursa Minor T B
Capricorno Capricornus Z E Ottante Octans M A
Cassiopea Cassiopeia T B Pavone Pavo M A
Cavallino Equuleus T E Pegaso Pegasus T E
Cefeo Cepheus T B Perseo Perseus T B
Centauro Centaurus T A Pesce Australe Piscis Austrinus T A
Chioma di Berenice Coma Berenices M E Pesce Volante Volans M A
Cigno Cygnus T B Pesci Pisces Z E
Colomba Columba M A Pittore Pictor M A
Compasso* Circinus M A Poppa Puppis T* A
Corona Australe Corona Australis T A Regolo Norma M A
Corona Boreale Corona Borealis T B Reticolo Reticulum M A
Corvo Corvus T E Sagittario Sagittarium Z E
Cratere Crater T E Scorpione Scorpius Z E
Croce del Sud Crux M A Scudo Scutum M E
Delfino Delphinus T E Scultore Sculptor M A
Dorado Dorado M A Serpente[1] Serpens T E
Dragone Draco T B Sestante Sextans M E
Ercole Hercules T B Telescopio Telescopium M A
Eridano Eridanus T E Toro Taurus Z E
Fenice Phoenix M A Triangolo Triangulum T B
Fornace Fornax M A Triangolo Australe Triangulum Australe M A
Freccia Sagitta T E Tucano Tucana M A
Gemelli Gemini Z E Uccello del Paradiso Apus M A
Giraffa Camelopardalis M B Unicorno Monoceros M E
Gru Grus M A Vele Vela T[2] A
Idra Hydra T E Vergine Virgo Z E
Idra Maschio Hydrus M A Volpetta Vulpecula M E

Z = costellazione dello Zodiaco; T = c. di Tolomeo; M = c. moderna
B = costellazione boreale; E = c. equatoriale; A = c. australe

Simona Ingrassia, Riccardo Maestri

Comments

comments