La Luna, mie foto e video!

Vota questo articolo
la luna satelliteLa Luna è l’unico satellite naturale del nostro pianeta. Il suo nome proprio viene talvolta utilizzato, per estensione e con l’iniziale minuscola (una luna), come sinonimo di “satellite naturale” anche per i satelliti di altri pianeti, ad esempio quando ci si riferisce alle lune di giove.
Il lato della luna che non riusciamo a vedere viene propriamente chiamato “faccia lontana”. A volte viene chiamata anche faccia oscura o lato oscuro, poichè per molto tempo è rimasto sconosciuto; questo termine si riferisce anche al black out delle comunicazioni radio che avviene quando una sonda spaziale si muove dietro la Luna. Questa interruzione delle comunicazioni è causata dalla massa della Luna stessa che blocca i segnali radio.  [Foto Alta Risoluzione]La maggior parte del lato oscuro non può essere visto dalla Terra, perché la rivoluzione della Luna attorno alla Terra e la rotazione attorno al suo asse hanno lo stesso periodo, quindi ai nostri occhi appare ferma, ci rivolge sempre la stessa faccia.  Nel complesso dalla terra è visibile circa il 59% della superficie lunare. Questa curiosità ha dato vita a numerosi miti, sopratutto nel campo ufologico, secondo il quale la faccia della luna a noi non visibile è costellata di basi spaziali aliene.La faccia nascosta venne osservata per la prima volta il 7 ottobre 1959, quando la sonda sovietica Luna 3 fu messa in orbita attorno alla Luna ed inviò alcune sue fotografie alla Terra. Gli uomini sono atterrati sulla Luna il 20 luglio 1969, all’apice di una gara spaziale tra URSS e Stati Uniti d’America, ispirata dalla guerra fredda. Il primo astronauta a camminare sulla superficie lunare fu Neil Armstrong, comandante dell’Apollo 11. L’ultimo fu Eugene Cernan, che durante la missione Apollo 17 camminò sulla Luna il dicembre 1972.L’equipaggio dell’Apollo 11 lasciò una targa di acciaio inossidabile, per commemorare lo sbarco e lasciare informazioni sulla visita ad ogni altro essere, umano o meno, che la trovi. Sulla targa c’è scritto:

« Here men from the Planet Earth first set foot upon the moon, July 1969, A.D.
We came in peace for all mankind. »
dettaglio della luna
Una delle prime foto che ho scattato della luna, con una vecchia webcam

 

Formazione della Luna

Le origini della Luna sono al centro di un dibattito scientifico molto acceso. La teoria più accreditata è quella secondo cui essa si sia formata a seguito della collisione di un planetoide delle dimensioni simili a quelle di Marte con la Terra quando quest’ultima era ancora calda, nella prima fase della sua formazione (tale planetoide è chiamato a volte Theia). Il materiale scaturito dall’impatto rimase in orbita intorno alla Terra e per effetto della forza gravitazionale si riunì formando la Luna. Detta comunemente la Teoria dell’Impatto Gigante, è supportata da simulazioni pubblicate nell’agosto 2001. Una conferma di questa tesi deriva dal fatto che la composizione della Luna è pressoché identica a quella del mantello terrestre privato degli elementi più leggeri, evaporati per la mancanza di un’atmosfera  e della forza gravitazionale necessarie per trattenerli. Inoltre, l’inclinazione dell’orbita della Luna rende piuttosto improbabili le teorie secondo cui la Luna si formò insieme alla Terra o fu catturata in seguito.

RIPRENDERE LA LUNA

la luna intera
Foto della Luna con newtoniano 114/910 e fotocamera digitale [Foto Alta Risoluzione]
Tutti conoscono la luna, che in effetti non ha bisogno di presentazioni di alcun tipo. Ad occhio nudo sono perfettamente visibili i grandi crateri e la sua superficie polverosa, priva di atmosfera. Basta un semplice binocolo per aumentare il dettaglio, mentre con un piccolo telescopio come il mio primo newtoniano 114/910, si possono ottenere foto meravigliose e dettagliate:
luna alta risoluzione
Particolare dei crateri lunari, newtoniano 114/910 e webcam con scarsa risoluzione
Spingendo gli ingrandimenti oltre i 50x, si possono ammirare i crateri in dettaglio sparire lungo il bordo, dando una perfetta idea della tridimensionalità durante l’osservazione. Per ottenere la migliore definizione dei crateri è neccessario osservare la luna quando non è piena, poichè la luce frontale non permette ai crateri di proiettare le loro ombre, nascondendoli di conseguenza e facendo apparire la superficie lunare più omogenea di quello che realmente è. Ecco una foto scattata appositamente per mostrare come le ombre evidenziano le increspature della superficie ed i crateri:
luna intera proiezione oculare
Foto della luna scattata in proiezione dall’oculare con fotocamera digitale [Foto Alta Risoluzione]

Ma essendo la Luna molto vicina, elevati ingrandimenti che ne catturano solo una porzione le fanno in realtà perdere il suo fascino. Adoro scattare foto della luna in modo che sia interamente visibile, anche se ho provato in passato a fare dei collage di altre foto, per un effetto tipo “mosaico”.

 

mosaico foto luna
mosaico foto luna
Foto di base scattate con newtoniano 114/910 e webcam di scarsa risoluzione (320×200)


luna intera foto

Fotocamera digitale e newtoniano 114/910 proiezione dall’oculare [Foto Alta Risoluzione]

 

Concludo con un recente video filmato con una webcam toucam pro II in proiezione nel mio telescopio Meade Lx10: notiamo la zona in cui i crateri sono perfettamente visibili grazie al gioco di ombre e lo splendido effetto di curvatura mentre scompaiono nel lato a noi non visibile.

 

Comments

comments