La chimica delle Emozioni

La chimica delle Emozioni (1.91/5) su 23 voti
uragani tempeste tropicali L’altro giorno parlavo con un amico dall’animo romantico, quando ad un certo punto gli ho detto che i sentimenti sono generati dalla chimica, e da reazioni fisiche nel nostro cervello. – E’ il cervello che amministra sensazioni ed emozioni – questa la dichiarazione che ha fatto storcere le labbra del mio amico in una smorfia. Tu riduci tutto a questioni puramente materiali, mi ha detto. Certo, non vedo come non potrei visto che siamo materia vivente! Senza nulla togliere, ovvio, alla forza delle emozioni, e quando parlo di chimica, reazioni fisiche, determinati impulsi elettrici, non voglio sminuire la loro potenza ma solo far notare come tutto il nostro organismo sia una affascinante miscela di azioni e reazioni, a volte istintive a volte condizionate da determinate esperienze. Questo perché le esperienze da noi vissute, nel corso degli anni, hanno modificato fisicamente il nostro cervello.
Come è risaputo, il cervello umano è composto da neuroni, speciali cellule unite tramite una fitta rete di collegamenti: questi collegamenti si sono creati e mutano nel tempo in base alle nostre esperienze. Un matematico avrà una rete neurale molto diversa rispetto ad un chitarrista, per il fatto che i loro cervelli sono allenati a compiere in velocità operazioni del tutto diverse. Ultimamente, nel campo dell’informatica, lo studio dell’intelligenza artificiale ha portato allo sviluppo delle reti neuronali. Queste ultime, a livello informatico, si comportano come il cervello. Piccole applicazioni interagiscono tra di loro, migliorando i collegamenti per ottenere via via un risultato migliore. In questo modo abbiamo un applicazione che, come il cervello, cresce si sviluppa e si adatta. Questo sistema è ottimo per creare ad esempio modelli previsionali per il meteo, per la borsa e tanti altri sistemi dove l’analisi di un enorme mole di dati può insegnare al programma come adattarsi e comprendere il fenomeno.
Tornando al cervello umano, è inoltre dimostrato che lesionando alcune parti sue parti, o somministrando particolari sostanze chimiche è possibile generare reazioni particolari, come ira, paura, desiderio sessuale smodato, o al contrario un’apatia totale. In tutto questo però, bisogna sempre ricordare che il nostro essere, le nostre emozioni, le nostre memorie ed azioni, l’amore, sono frutto di interazioni talmente complesse e diverse da persona a persona, che è impossibile non meravigliarsi e stupirsi. Infatti una cosa è certa: l’amore le emozioni e la memoria, sono risultati talmente complessi che risalire alla loro origine è ancora oggi terreno per grandi controversie e dubbi. Il nostro corpo è come l’arcobaleno: Sapere che è composto dall’effetto ottico della rifrazione della luce su minute goccioline d’acqua non mi toglie la gioia di osservarne uno dopo la fine di un’acquazzone.

Comments

comments