Come collegare un relè

Come collegare un relè (2.04/5) su 151 voti

rele vista interna

Il relè, o relàis, è uno dei dispositivi elettromeccanici più conosciuti. Spesso sono racchiusi dentro un involucro trasparente, che permette come nella foto di capirne subito il funzionamento. L’avvolgimento di rame alla sinistra non è altro che una bobina che se alimentata attira verso il basso l’astina metallica indicata con la freccia rossa rivolta verso il basso. L’astina metallica è fissata al contatto C che significa “comune”.

rele vista internaSe la bobina viene alimentata (il valore di alimentazione è spesso stampato sul contenitore del relè) essa si trasforma in un elettromagnete che attira verso il basso l’astina, la quale a sua volta sposta il contatto C verso destra, il quale non tocca più NC (normalmente chiuso) ma entra in contatto con NA, permettendo quindi il passaggio della corrente tra C ed NA. Se viene tolta alimentazione alla bobina, automaticamente il contatto torna alla posizione iniziale. Si noti che utilizzando NC-C come interruttore, l’interruttore risulta sempre su ON, mentre alimentando la bobina stacca e va in OFF. Al contrario utilizzando NA-C l’interruttore è sempre su OFF, mentre alimentando la bobina abilita la conduzione tra NA-C che risulta quindi come un interruttore su ON.

Circuito di esempio:
Il relè in poche parole permette con una piccola tensione di controllare una piu grande potenza, per esempio un relè può accendere o spegnere il motore di un refrigeratore comandato da un sensore di temperatura: il semplice sensore di temperatura non potrebbe mai pilotare direttamente l’alimentazione a 220volt! Ad esempio il ticchettio che sentite abilitando le indicazioni luminose di svolta negli scooter o nelle automobili, non è altro che l’accensione e lo spegnimento di un relè che viene pilotato da un semplice temporizzatore.

relè schema elettrico

In questo semplicissimo circuito un relè viene controllato da un semplicissimo transistor 2N2222. Forse avete già notato la presenza del diodo 1N4003: questo diodo è fondamentale durante l’utilizzo di un relè, per via di un fenomeno elettrico conosciuto come “Picco di Lentz”. In poche parole, quando si toglie alimentazione ad una bobina, essa rispedisce indietro un brevissimo picco di tensione molto elevata, contraria alla tensione di alimentazione. Questo diodo risulta un cortocircuito per tensioni contrarie a quelle di alimentazione, quindi quando il picco esce dal relè si annulla su se stesso attraverso il diodo. L’utilizzatore in questo caso è alimentato con lo stesso circuito di alimentazione del transistor, ma potete anche alimentarlo in modo diverso:

relè schema elettrico


Comments

comments