Calcolo resistenza diodi LED

Calcolo resistenza diodi LED (4.75/5) su 4 voti

calcolare resistenza per diodo led

Per ricavare il valore della resistenza R1 in modo da non bruciare i diodi led ed accenderli nel modo corretto, anche in caso di piu’ diodi in cascata, è necessario conoscere le tensioni di funzionamento dei diodi, le correnti di funzionamento e la tensione di alimentazione del circuito.

Si può notare che la tensione di alimentazione è 12V, ed i diodi led in serie sono 2. Le caratteristiche di corrente e tensione dei diodi le si possono trovare sui rispettivi datasheet, ma per comodità in questo esempio utilizziamo parametri standard dei normali led (non ad alta luminosità!). Infatti sappiamo che i diodi led lavorano con una tensione di 2.5V e con una corrente che va da 10 a 30mA, ma in questo esempio ci limitiamo ad una corrente di 15mA.

Avendo due led in serie la cui caduta di tensione è di 2.5V, significa che assieme richiederanno 5V per funzionare. Avendo 12V in partenza, vuol dire che dobbiamo sottrarne 7 per ottenere la giusta tensione:

Vd = Va – (VL * N) = 12 – (2.5 * 2) = 7 Volt

Va = Tensione di alimentazione del circuito
VL = Tensione di alimentazione del led
N =  Numero di led
Vd = Caduta di tensione

Utilizzeremo quindi questa formula, ricavata dalla legge di Ohm:

R1 = Vd / A = 7 / 0.015 = 466Ohm

R1 = Resistenza da calcolare
Vd = Caduta di tensione da ottenere
A = Ampere richiesti dal circuito ( 0.015A dei led = 15mA )

Notare che la corrente totale rimane 15mA, mentre se i diodi erano in parallelo le correnti andavano sommate mentre le tensioni rimanevano invariate. Il valore 466 ohm quindi è il valore resistivo da inserire in serie al circuito per limitare la corrente a 15mA, ma siccome non è un valore standard, utilizzeremo quello prossimo, ovvero 470 ohm.
Un ultima operazione da effettuare è quella di calcolare la potenza della resistenza.

W = Vd x A = 7 * 0.015 = 0.105 W

pare ovvio che in questo caso sarà sufficente una classica resistenza da 1/4 di Watt.

Comments

comments